Piastra a induzione: come funziona? Quali sono i possibili vantaggi e svantaggi?

La piastra a induzione è uno degli elementi principali per tutti coloro che desiderano avere in casa una cucina sostenibile. Il modo in cui concepiamo la nostra abitazione con la tecnologia sta lentamente cambiando, tanto che in molti si avvicinano sempre più verso l’idea di una casa progettata per il futuro, con un’elevata efficienza energetica e che non necessiti di combustibili fossili per la cottura dei cibi e il riscaldamento.

La cucina è l’ambiente nel quale si consuma più energia e l’acquisto di una piastra a induzione può essere un primo passo verso l’abolizione del gas per la cottura dei nostri piatti preferiti. In commercio esistono varie tipologie di piastre singole oppure doppie, portatili e ad incasso, tutte pensate per ridurre il consumo del gas in favore di una maggiore efficienza energetica.

In questa nostra guida ti aiuteremo a conoscere quali possono essere i possibili vantaggi e svantaggi che possono derivare dall’acquisto di questo elettrodomestico e quali sono i migliori modelli che puoi acquistare sullo store di Amazon, secondo le recensioni degli utenti.

Cos’è la piastra a induzione?

La piastra a induzione possiede la stessa funzione di un tradizionale piano cottura, con la differenza che non necessita del gas per funzionare ma viene alimentata mediante corrente elettrica. Il meccanismo è molto semplice. Quando si accende un fornello della piastra a induzione, l’energia viene trasmessa a una bobina ricoperta con un materiale che solitamente è vetroceramica. 

Il segreto dell’induzione risiede quindi, nelle bobine che sono alimentate dall’energia elettrica e possono generare un campo magnetico che si trasferisce alle pentole, riscaldandole. Le piastre a induzione si presentano in modo differente dal piano cottura tradizionale con uno strato piano e uniforme in vetroceramica, su cui si possono poggiare pentole, padelle e tegami. Non è presente alcuna fiamma a gas e il calore viene trasferito direttamente dalla piastra alla pentola.

Essendo sempre più numerosi i consumatori che decidono di acquistare delle piastre a induzione per le proprie cucine, è bene che si conoscano i vantaggi e gli svantaggi che ne possono derivare dall’acquisto e valutarli prima di scegliere un modello adatto alle proprie esigenze.

Migliori piastre a induzione

Caso Germany S-Line 2100

Si tratta di una piastra a induzione realizzata con materiali di qualità e che possiede una tecnologia smart che influisce notevolmente sul prezzo di vendita. Le finiture in acciaio e la superficie uniforme in vetroceramica, le regalano un design moderno. La piastra possiede un timer da 180 minuti con intervallo da un minuto. Si tratta di un modello a fornello singolo con tasti touch ultra sensibili e un display digitale abbastanza ampio.

Le impostazioni sembrano essere molto semplici da regolare, grazie alla tecnologia smart integrata che ne facilita l’utilizzo. Regolabile attraverso i 12 livelli di potenza, la temperatura è anche regolabile da 60°C a 240°C, raggiungendo temperature notevoli. Nonostante sia a piastra singola, possiede un’ottima potenza da 2100 W che consente di utilizzare la piastra anche per le fritture.

Pur avendo una potenza elevata, le dimensioni sono ridotte con un peso di circa 2.6 kg. Queste dimensioni consentono al prodotto di essere sistemato comodamente in qualsiasi cucina anche di piccole dimensioni oppure di portare con sé la piastra in vacanza, in campeggio, a lavoro. Per quanto riguarda le funzioni extra, è dotata di rivelamento automatico della misura delle pentole, così da agevolare nella selezione delle varie opzioni e della protezione automatica da surriscaldamento che nei prodotti elettrici è estremamente importante.

Se sei alla ricerca di una piastra a induzione portatile e potente, puoi procedere all’acquisto sullo store di Amazon a un prezzo molto interessante. Qui, puoi anche consultare le tante recensioni positive degli utenti che ne consigliano l’acquisto. Ottimo rapporto qualità – prezzo.

CASO S-Line 2100 Piastra riscaldante a induzione, SmartControl preciso 60-240 ° C, timer fino a 180 minuti, pentole...
  • Piano cottura a induzione mobile - La cottura a induzione è fino al 60% più veloce rispetto ai fornelli elettrici e...
  • Una piastra a induzione mobile è perfetta per cucine piccole, come in una singola famiglia o in una famiglia...

Aigostar Blackfire 30IAV

Si tratta di una piastra a induzione dotata di un singolo fornello, che sembra essere facile da utilizzare. Non viene menzionata tra i prodotti di fascia alta ma nel complesso secondo le numerose recensioni rilasciate dagli utenti in giro per il web, sembra essere un prodotto dal design raffinato, elegante e di buona qualità. I materiali con cui è realizzata fanno sì che il prodotto sia ben apprezzato e consigliato per l’acquisto.

La piastra possiede un pannello digitale con controlli touch che ne facilitano la pulizia. Si può regolare la temperatura da 60°C a 200°C, mentre la potenza è regolabile attraverso 10 livelli da 200W a 2000W. Le migliori prestazioni si possono ottenere con le alte temperature, in quanto le impostazioni a temperature basse possono portare il dispositivo ad accendersi e spegnersi spesso, provocando delle difficoltà nella regolazione del livello di cottura degli alimenti.

Il diametro consigliato per le pentole va dai 15cm ai 20cm, quindi non è una piastra su cui si possono utilizzare pentole di grandi dimensioni. Il peso si aggira intorno ai 3.5 kg e le dimensioni sono abbastanza compatte. Tra le principali funzioni troviamo il blocco tasti che rappresenta un sistema di sicurezza per i bambini, un timer fino a 180 minuti con spegnimento automatico alla fine del tempo impostato, una funzione di mantenimento in caldo degli alimenti, una ventola e la protezione anti-surriscaldamento.

Se sei alla ricerca di una piastra, a induzione che sia di discreto funzionamento e con un’ottima qualità dei materiali, puoi acquistare questo prodotto collegandoti sullo store di Amazon.

Aigostar Blackfire - Fornello a induzione, pannello ultrasottile in microcristallino, piastra induzione portatile da...
  • 【MASSIMO CONTROLLO SULLA TEMPERATURA】 Raffinato, duraturo e facile da pulire; la lastra di vetro in ceramica lucida...
  • 【FUNZIONI RAPIDE】 Timer incorporato fino a 3 ore per un'ampia varietà di cibi e metodi di cottura. Tenere la...

Quali sono i possibili vantaggi?

Prima di procedere all’acquisto di una piastra a induzione è bene confrontare i vari modelli presenti in commercio, analizzando sia i vantaggi che i possibili svantaggi e le caratteristiche che contraddistinguono un modello piuttosto che un altro. Il primo vantaggio che si può notare osservando una piastra a induzione riguarda le operazioni di manutenzione e pulizia. Il suo strato piano e uniforme consente di effettuare una rapida pulizia e allo stesso tempo efficace. Una piastra a induzione può essere vantaggiosa per tutti coloro che possiedono una convenienza nel consumo dell’energia elettrica piuttosto che nel consumo del gas.

Coloro che possiedono delle tariffe vantaggiose di luce rispetto al gas sceglieranno con più probabilità una piastra a induzione al posto del tradizionale piano cottura, per contenere i costi in bolletta. Un vantaggio maggiore può essere attribuito a tutti quelli che riescono a produrre energia da fonti rinnovabili.

I possessori di impianti fotovoltaici possono godere di una cucina a costo zero. Pertanto, i vantaggi delle piastre a induzione possono essere notevoli, dall’efficienza alla sicurezza all’interno della casa così come la convenienza economica e anche in termini di spazio. In particolare:

  • può avere dimensioni ridotte che consentono di inserire l’elettrodomestico in qualsiasi cucina sia di piccole che di grandi dimensioni e di abbinarla facilmente allo stile dell’ambiente, grazie al design moderno che possiedono vari modelli in commercio;
  • può essere semplice e veloce da pulire;
  • può essere sicura dal momento che non sussiste alcun rischio di eventuali fughe di gas;
  • può avere un rendimento pari al 92%, in quanto un litro di acqua arriva a ebollizione in pochi minuti;
  • non sembra essere soggetta a dispersione termica;
  • la parte che circonda l’area di cottura rimane fredda e quindi, non sembra esserci alcun rischio di scottature;
  • può distribuire in modo uniforme il calore durante la cottura.

Un altro vantaggio da considerare è l’efficienza energetica. Le piastre a induzione disperdono meno calore e sono più convenienti rispetto al gas. I piani cottura a induzione possono avere un’efficienza pari al 90% contro i piani cottura a gas del 40%. Il combustibile libera CO2, mentre la corrente elettrica può arrivare anche da fonti rinnovabili come un impianto fotovoltaico domestico, così da potere ottenere un ulteriore risparmio.

Quali possono essere gli svantaggi?

Oltre ai numerosi vantaggi è possibile che si presentino eventuali svantaggi legati al passaggio da una tradizionale cucina a gas verso una cucina con piastra a induzione. Il problema nasce per via della tipologia di pentole da utilizzare. Quando si cucina su piastre a induzione, infatti, è necessario utilizzare pentole che abbiano il fondo piatto e delle specifiche proprietà magnetiche.

Per verificare se le pentole funzionano correttamente basta poggiare sul fondo una calamita. Se la calamita aderisce al fondo vuol dire che la pentola funziona sul piano a induzione, mentre in caso contrario il piano non riconoscerà la pentola. Pertanto, i possibili svantaggi possono riguardare la spesa iniziale da sostenere che può essere più elevata rispetto ai tradizionali piani cottura a gas.

Il secondo svantaggio può essere legato ai consumi. I costi di una piastra a induzione non riguardano solamente l’acquisto dell’elettrodomestico e del pentolame ma anche dell’elettricità. Se è vero che con una piastra a induzione si andrebbe a risparmiare sul consumo del gas, è anche vero che aumenterà il costo dell’energia elettrica consumata. Pertanto, può essere suggerito l’acquisto di queste piastre a tutti coloro che hanno delle tariffe vantaggiose di energia elettrica.

Oggi esistono però, per venire incontro a queste spese da sostenere, dei piani cottura che ottimizzano automaticamente i consumi adeguando l’assorbimento dell’energia elettrica alle effettive necessità della cottura che si sta usando.